CONTATTA
Gradimento degli utenti

Vuoi iniziare a fare triathlon? facciamo un check sui materiali (seconda parte)

La prima delle tre discipline che affronterai è il nuoto: cosa ti serve

di Daniel Fontana
PREPARATORE ATLETICO

triathlon nuoto

Il nuoto

“Delle tre discipline questa è sempre quella che spaventa di più gli esordienti, anche se praticamente tutti, almeno da bambini, abbiamo avuto a che fare con l’acqua al mare o in piscina nei corsi che spesso si fanno in giovane età per imparare a nuotare.
Quanto ai materiali però, il nuoto è quello che impegnerà meno le tue finanze. Per nuotare ti basta poco in verità. Con un impianto sportivo, un costume, un paio di occhialini ed una cuffia sei già pronto per iniziare il tuo allenamento in vista dell’esordio. Se però hai scelto come gara d’esordio una prova che preveda il nuoto in mare o in un lago, è molto probabile che tu possa avere bisogno anche di una muta. Ricorda sempre comunque, che la maggior parte delle gare di buon livello e dei negozi che vendono attrezzatura per il triathlon, dispongono spesso di un servizio di noleggio mute, pratico e poco costoso.

Vediamo qualche consiglio furbo nell’acquisto del materiale per il nuoto. Per quanto riguarda il costume d’allenamento, trovi in commercio capi realizzati con tessuti resistenti al cloro e magari in doppio strato. Il cloro è una sostanza chimica importante per la depurazione dell’acqua degli impianti pubblici, ma ha un’azione devastante sui tessuti elastici che non siano studiati appositamente per resistervi. Se non sceglierai un costume sufficientemente tecnico, perderà presto di elasticità e diventerà decisamente poco confortevole e scomodo. Anche nella scelta degli occhialini ti conviene curare qualche dettaglio. Scegli quelli con la protezione in gomma morbida, perché nelle partenze di gruppo può capitarti di ricevere qualche botta fortuita. La gomma ti proteggerà al meglio il viso. Se hai scelto poi di esordire in acque libere, opta per occhialini con una lente colorata o addirittura fotocromatica. Questo ti eviterà il fastidio di essere accecato dal sole che si riflette sulla superficie dell’acqua e magari di faticare ad individuare in gara le boe direzionali”.

 

PER LEGGERE LA TERZA PARTE DELL'ARTICOLO CLICCA QUI.

PER RILEGGERE LA PRIMA PARTE DELL'ARTICOLO CLICCA QUI.

 

Vota
SEGUI
CONDIVIDI l'articolo:
ARTICOLI CORRELATI
MOTIVATION
Giulio
PERSONAL TRAINER

Come scegliere i tuoi obiettivi?

Chi di noi non si allena, o si è allenato, con degli obiettivi in testa? Possono essere vaghi oppure molto specifici e r…
continua

TRAINING
Luca
PERSONAL TRAINER

Esercizi Spalle: Alzate Laterali al cavo

Scopri in questo video come eseguire le alzate laterali al cavo per aumentare la massa muscolare delle spalle. In questo…
continua

TRAINING
Luca
PERSONAL TRAINER

Esercizi Schiena: Postura Corretta

Scopri in questo video la postura corretta che si applica a tutti gli esercizi per la schiena come trazioni, lat machine…
continua