CONTATTA
Gradimento degli utenti

Migliorare la corsa con il Functional Training

Qualche consiglio su come migliorare il rendimento della corsa con esercizi tipici dell'Allenamento Funzionale

di Giulio Bellini
PERSONAL TRAINER

Sappiamo tutti cos'è la corsa, ma probabilmente in pochi ne conoscono l'esatta definizione: per corsa si intende l'andatura che siamo in grado di sviluppare mediante una prosecuzione di balzi dal momento in cui si stacca il primo piede da terra all'evoluzione dei passi in più fasi di volo. Proprio la "fase di volo" distingue la corsa da una semplice camminata veloce: quando camminiamo, per quanto velocemente, un piede da sempre il cambio all'altro e non vi è mai un momento in cui almeno uno dei due non sia a contatto col suolo (fase di volo), cosa che invece rappresenta la caratteristica distintiva della corsa. Segue il concetto di falcata: si intende appunto la distanza tra i due punti di appoggio, primo piede che stacca e secondo piede che atterra. 

Inutile dire che la falcata si differenzia da persona e persona: ognuno ha un proprio stile, una propria morfologia, e quasi sempre la falcata migliore per ciascuno di noi è quella spontanea. Ciò non toglie però che sia possibile allenare questo gesto per renderlo il più efficace e redditizio possibile, migliorare cioè il rapporto tra energie impiegate e velocità sviluppata.

Tralasciamo le capacità condizionali che entrano in gioco nella corsa e che sono abbastanza facilmente allenabili (forza, velocità, resistenza, capacità aerobica). Quali sono i parametri sui quali possiamo concentrarci per ottimizzare la tecnica di corsa? Sono fondamentalmente tre: la famigerata "Core Stability" (il potenziamento della zona centrale del corpo: addome trasverso e obliqui, pavimento pelvico, quadrato dei lombi), la coordinazione motoria e la gestione del nostro baricentro durante la corsa. E' qui che entra in gioco l' Allenamento Funzionale! Cooscete un modo migliore di questo per lavorare sulle caratteristiche appena descritte in maniera altrettanto poliedrica e facilmente applicabile per chiunque? Ne dubito fortemente!

Utilizzare esercitazioni che permettano di migliorare la consapevolezza e la gestione del proprio corpo nello spazio durante ciascuna delle fasi analizzate (passo, volo e falcata) porterà sicuramente elevate prestazioni in termini di coordinazione e stabilità e quindi benefici immediati sui tempi di percorrenza e sul risparmio di energie. E questi benefici di rendimento saranno indubbi sia per i velocisti (distanze brevi, elevata velocità) che per i podisti (distanze anche molto lunghe, velocità ben al di sotto della massima).

Vediamo nella pratica alcune esercitazioni che a mio avviso non dovrebbero mancare nella preparazione fisica di un runner:

 

- Plank statico e con torsioni laterali

- Mountain Climber

- Reverse Crunch al Trx

- Skip con spinte braccia in alto/avanti/fuori 

- Affondi con curl bicipiti

- Piegamenti (push ups) più rowing manubri o kettlebell

- Wall ball con palla medica

- Squat Jump e Alternate Lunge Jump

- Affondi in camminata

 

...e tanti altri esercizi di questo tipo! Le varianti sono praticamente infinite, l'ideale è sempre quello di farsi seguire da un Trainer preparato che sappia adattare le esercitazioni al livello e alle caratteristiche di ciascun atleta.

 

Giulio Bellini, Personal Trainer Roma

 

Vota
SEGUI
CONDIVIDI l'articolo:
ARTICOLI CORRELATI
MOTIVATION
Giulio
PERSONAL TRAINER

Come scegliere i tuoi obiettivi?

Chi di noi non si allena, o si è allenato, con degli obiettivi in testa? Possono essere vaghi oppure molto specifici e r…
continua

TRAINING
Luca
PERSONAL TRAINER

Esercizi Schiena: Postura Corretta

Scopri in questo video la postura corretta che si applica a tutti gli esercizi per la schiena come trazioni, lat machine…
continua

TRAINING
Luca
PERSONAL TRAINER

Esercizi Spalle: Alzate Laterali al cavo

Scopri in questo video come eseguire le alzate laterali al cavo per aumentare la massa muscolare delle spalle. In questo…
continua