CONTATTA
Gradimento degli utenti

Digiuno Intermittente: di cosa si tratta?

Digiuno intermittente..scopriamo di più!

di Giulio Bellini
PERSONAL TRAINER

Quella del "digiuno intermittente" è una teoria nutrizionale che in ambito sportivo si è fatta strada negli ultimi anni a suon di studi e ricerche scientifiche più o meno validate e che afferma quanto segue: limitare l'apporto di cibo a fasi specifiche della giornata (periodi di 8-12 ore) digiunando per le restanti 12-16 ore può essere più indicato che non alimentarsi con la classica regola del "poco e spesso" (pasti/snack ogni 2-4 ore dal momento del risveglio al momento in cui si va a dormire).

Il principio alla base del digiuno intermittente è quello di creare un lasso temporale di digiuno più lungo del "normale" con l'obiettivo di incidere sul bilancio calorico complessivo e soprattutto sul metabolismo ormonale. Questo perchè in condizioni di astinenza alimentare non si avrà alcun incremento insulinico (responsabile di deposito di adipe) mentre si avrà un importante incremento di IGF1, GH (ormone della crescita) e, sembrerebbe, Testosterone. Cosa significa questo? Così come l'insulina, anche il GH è un ormone "anabolico" (che favorisce cioè la crescita muscolare o ipertrofia), ma, e qui sta la differenza più importante, lo fa senza contemporaneamente favorire un deposito adiposo ma anzi stimolando la lipolisi e quindi il dimagrimento! In cosa si traduce tutto ciò? Più massa magra, meno massa grassa!

Esistono diverse tipologie di digiuno intermittente, alcune portate all'eccesso oppure organizzate in maniera troppo superficiale, ma se impostato con l'aiuto di uno specialista (nutrizionista, ovviamente) questa forma non convenzionale di alimentazione può apportare diversi benefici che di seguito elenco:

 

• Diminuzione del grasso corporeo

• Minor perdita di massa muscolare rispetto a una tradizionale dieta ipocalorica

• Diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue

• Diminuzione dei livelli di insulina e aumento della sensibilità ad essa

• Aumento della lipolisi e dell’ossidazione dei grassi

• Aumento del dispendio calorico causa accelerazione del metabolismo

• Aumento dei livelli di noradrenalina e adrenalina

• Aumento dei livelli del glucagone

• Aumento dei livelli del GH

• Diminuzione della sensazione di fame

 

La domanda che ci dobbiamo porre è: è questo un tipo di alimentazione adatta a tutti? Non necessariamente, anzi! Se i risultati ottenuti con una corretta accoppiata allenamento/alimentazione equilibrata "classica" sono buoni e soprattutto vi soddisfano, non vedo motivo per cambiare stile alimentare. Viceversa, in caso di stagnazione dei risultati o di incapacità del vostro corpo di dimagrire nonostante l'applicazione corretta di una dieta ipocalorica, provare a cambiare totalmente visione afffrontando questo stile alimentare per tastare con mano i benefici eventualmente apportati sul vostro metabolismo è fortemente consigliato! Ma mi raccomando, mai affidarsi al fai-da-te!

 

Giulio Bellini, Personal Trainer Roma

 

 

Vota
SEGUI
CONDIVIDI l'articolo:
ARTICOLI CORRELATI
TRAINING
Luca
PERSONAL TRAINER

Esercizi Schiena: Postura Corretta

Scopri in questo video la postura corretta che si applica a tutti gli esercizi per la schiena come trazioni, lat machine…
continua

TRAINING
Luca
PERSONAL TRAINER

Esercizi Spalle: Alzate Laterali al cavo

Scopri in questo video come eseguire le alzate laterali al cavo per aumentare la massa muscolare delle spalle. In questo…
continua

MOTIVATION
Giulio
PERSONAL TRAINER

Come scegliere i tuoi obiettivi?

Chi di noi non si allena, o si è allenato, con degli obiettivi in testa? Possono essere vaghi oppure molto specifici e r…
continua